Tu sei qui: Home / Download area / Beni inventariabili

CIRCOLARE BENI INVENTARIABILI


BENI INVENTARIABILI

 

I beni che rientrano nelle seguenti  categorie sono inventariabili :

 

CATEGORIE BENI INVENTARIABILI

Donazione dopo anni

Computer e Accessori/ sistemi di elaborazione (50) - per importo di acquisto da €.100

2

Attrezzatura / strumenti da laboratorio (51) - per importi da €.100 a €.5.000

2

Attrezzatura / strumenti da laboratorio (61) - per importi da €.5.000 a €.10.000

3

Attrezzatura / strumenti da laboratorio (62) - per importi superiori ai €.10.000

5

Arredamento /mobili per ufficio (52) - per importi da €.100 a €.500

2

Arredamento /mobili per ufficio (63) - per importi superiori a €.500

3

Telefonia fissa/macchine ordinarie d’ufficio(53)(per importo di acquisto superiore a €.100)

2

Impianti di condizionamento(54) -   (per importo di acquisto superiore a €.100)

3

Telefoni cellulari (55) (per qualsiasi importo -  iva detraibile al 50% - in uso a non + di  un ricercatore da specificare )

2

Libri scientifici (56) - (per qualsiasi importo – donazione nell’esercizio di acquisto)

0

 

I beni inventariabili acquistati con “le fonti finanziarie delle ricerche” sono di proprietà del C.F.R.,  e vengono concessi con Contratto di comodato ad uso gratuito all’Ente presso cui si trovano fino alla loro donazione, che avviene dopo gli anni trascorsi come da tabella.

Il  responsabile scientifico, strutturato dell’Ente, ne curerà la manutenzione e le eventuali riparazioni con i propri fondi di ricerca.

Il Resp.scientifico dovrà accertarsi che la struttura accetti tali beni in “Contratto di Comodato” o in caso contrario dovrà autorizzare la Donazione immediata (es.Az.Ospedaliera di Fe) tendo conto che l’IVA diventa un costo della ricerca

Al momento dell’ordine il Modulo di acquisti BENI INVENTARIABILI deve essere completo :

A)    esatta ubicazione di collocazione del cespite, per l’intestazione del Contratto di comodato;

B)    nominativo del responsabile strutturato appartenente all’Ente di collocazione del Cespite

Nel caso in cui si verifichino una delle seguenti variazioni, al C.F.R. deve esserne data immediata comunicazione scritta da parte del responsabile, tenendo conto della procedura di seguito elencata:

Spostamento del cespite ad altra ubicazione

I beni per essere trasferiti ad altri Enti o Dipartimenti, necessitano di richiesta scritta, con la precisazione dell’eventuale nuovo responsabile e della “Bolla di accompagnamento” emessa dal C.F.R.;

- Furto o smarrimento

La citata dichiarazione deve essere completa di Denuncia presentata alle autorità competenti, riportante gli estremi identificativi del cespite (es. “12/ ABCD/10);

- Rottura

In caso di deperimento  e/o rottura del cespite tale da renderlo non più idoneo all’uso, occorre: dichiarazione di tale stato e  ricevuta di smaltimento, effettuata a cura e spese del responsabile scientifico, rilasciata dalla “Coop.va IL GERMOGLIO - Ferrara” o altro Ente che ne attestanti l’avvenuto smaltimento.

 

*   *   *   *   *   *

DONAZIONI

Trascorso il periodo di ammortamento, con tempistiche differenti a seconda delle categorie di appartenenza del bene inventariabile (come da tabella sopra riportata), il Consorzio ha la facoltà, con delibera del CdA,  di donare i cespiti alla struttura di ubicazione, salvo diversa dichiarazione scritta del responsabile scientifico, che deve pervenire prima della chiusura dell’esercizio di donazione (che si conclude sempre al 31 dicembre di ogni anno), al fine di ubicare fisicamente  il bene c/o l’Ente cui il resp.scientifico intende donarlo. In caso di andata in quiescenza del resp.scientifico occorre comunicare il nuovo responsabile strutturato c/o l’Ente   a cui donare il bene.

Contenuti correlati
CIRCOLARE BENI INVENTARIABILI